I funghi tanto apprezzati quanto ricchi di proprietà benefiche… inaspettate

Varietà di funghi

 

Con ottobre è arrivata la pioggia ma non tutti gli “ombrelli” sono fatti per proteggersi, ci sono anche quei piccoli ombrelli marroni, commestibili che vanno a nozze con la pasta, il risotto, la tagliata… sto parlando proprio dei funghi.

Per quanto possa essere gustoso un buon risotto ai porcini, non tutti riescono a digerire con facilità i funghi che a volte possono essere responsabili di intolleranze nei loro confronti: scopriamo il perché.

Innanzitutto va detto che la risposta dell’organismo all’ingestione di funghi è spesso individuale in quanto la dotazione enzimatica atta a digerire queste molecole (in parte ancora ignote) è variabile e personale.

La membrana cellulare dei funghi è costituita da chitina. Si tratta di una sostanza impegnativa da digerire e, trattandosi di un carboidrato non assimilabile, di frequente raggiunge inalterato il colon: qui viene preso a carico dai microrganismi che vi abitano e a seguito della sua demolizione, si possono produrre gas che creano flatulenza e gonfiore addominale.

Parlando invece del loro consumo, i funghi possono essere scelti freschi, secchi o surgelati. I funghi freschi o essiccati presentano le caratteristiche nutrizionali migliori.

Dal punto di vista nutrizionale, i funghi sono dei buoni alleati per la dieta, il loro apporto calorico non è infatti elevato. Per tutte le varietà di funghi, si aggira attorno alle 25 kcal ogni 100 gr di prodotto fresco, che può contenere acqua fino al 90% del proprio peso. Provenendo dal bosco, il fungo è una buona fonte di sali minerali assorbiti dal terreno come: il potassio, il fosforo, il rame ed il selenio. Contiene anche numerose vitamine come: tiamina, riboflavina, niacina, biotina e vitamina C, tuttavia i profili nutrizionali variano in base alla specie.

Alcuni studi effettuati intorno agli anni ’80 hanno permesso di mettere in luce numerose altre proprietà benefiche: sono immunopotenzianti (in grado di modulare il nostro sistema immunitario quindi ottimi alleati durante la stagione fredda), ipocolesterolemici e epatoprotettori. Vi sono specie di funghi con un potere altamente antiossidante, tra questi ricordiamo il Ganoderma Lucidum, molto popolare sul web e comunemente conosciuto come fungo Reishi. Lo potete trovare in forma integrativa in erboristerie e negozi di alimentazione biologica. Il Ganoderma o Reishi ha un attività immunomodulante molto potente ma soprattutto ha proprietà antitumorali talmente spiccate che in Giappone viene usato da molto tempo nella medicina tradizionale per il trattamento di questo genere di malattie.

Se siete appassionati di escursioni nei boschi, approfittate di questi mesi autunnali per raccogliere funghi freschi, ricordando però di sottoporli al controllo in una della Asl del vostro territorio, in modo da evitare l’assunzione di una varietà non commestibile.
Nel caso in cui invece raccogliere e preparare i funghi non  fosse nelle vostre corde potete sempre optare per il Ristorante!


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni! ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER