Lo Stufato di Manzo: la ricetta classica

Stufato con polenta

 

L’inverno è alle porte, la tavola ci attira con i suoi irresistibili piatti saporiti. Ben si addicono a questo clima freddo le pietanze calde e le cotture in umido, quindi oggi una ricetta in tema: lo Stufato di Manzo.

Si tratta di un piatto che non può e non deve mancare sulle tavole bresciane, in quanto rappresentativa della classica della tradizione gastronomica della nostra provincia. La semplicità e la golosità dello Stufato ci porta indietro a tempi lontani, in cui i tagli di carne si lasciavano 8-10 ore sulla stufa e proprio da questo deriva il nome “stufato”.

Nelle case private era consumato soprattutto come piatto domenicale, ma non mancava mai nelle osterie, facendo la gioia degli avventori.

Qui di seguito la ricetta dello Stufato di Manzo:

Ingredienti per 4 persone:

-1 bicchiere di olio
-3/4 spicchi di aglio
-2kg di carne di manzo (cappello del prete)
-2 bicchieri di vino rosso
-2/4 cucchiai di salsa di pomodoro
-1 mazzetto di salvia e rosmarino
-brodo di carne
-zucchero

Preparazione:

Come prima cosa si fa rosolare la carne in un soffritto di olio e aglio. È importante assicurarsi che cuocia adeguatamente su tutti i lati. Quando sarà ben rosolata, aggiungere uno o due bicchieri di vino rosso. Attendere quindi che sfumi.
Una volta evaporato il vino, condire con cucchiai di salsa di pomodoro e un pizzico di zucchero per stemperare l’acidità del pomodoro. Eventualmente, se l’intingolo diventa troppo asciutto, aggiungere qualche mestolo di brodo e di volta in volta lasciar sfumare.
A cottura inoltrata (ma non ultimata) si può buttare un mazzetto di salvia e rosmarino, così da aromatizzare e insaporire lo stufato. Servire ben caldo, magari accostando lo stufato ad un buon bicchiere di rosso.
Buon appetito!


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni! 📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER