La ricetta delle “Foiade” con i funghi Porcini

Foiade ai porcini

fonte immagine: www.santalessandro.org

 

“Foiade” è il termine dialettale utilizzato per definire un tipo di pasta fatta in casa, tagliata a forma romboidale che in altre zone d’Italia sono spesso chiamati maltagliati. In origine derivavano dagli scarti della sfoglia che era stata utilizzata per preparare altri tipi di pasta.

In questa ricetta le “foiade” sono abbinate ad un condimento tipico delle nostre prealpi: qui quando si tratta di funghi sono di rigore i porcini.

Ingredienti

Per la pasta
250 gr di farina 00
250 gr di farina di grano duro
5 uova
1 cucchiaio di olio
sale

Per il sugo
500 gr di funghi (meglio se porcini, io ho usato gli champignon)
mezzo bicchiere di vino bianco
1 cipolla piccola
200 ml di panna
sale e pepe q.b.
olio q.b.

Preparazione

Setacciate le due farine, versarle a fontana sulla spianatoia unite le uova l’olio il sale e impastate fino ad ottenere un impasto compatto ma morbido. Fatelo riposare per circa 30 minuti. Tirate la sfoglia nello spessore desiderato e tagliate le foiade come più vi piacciono, in genere si fanno a rombi. Disponetele ad asciugare su un canovaccio. A questo punto preparate il sugo.

Pulite i funghi e tagliateli a fettine. In una padella far rosolate la cipolla tagliata sottile, aggiungete i funghi, fateli rosolare e sfumateli con il vino bianco, aggiungete la panna e fate cuocere circa 10 minuti. Intanto cuocete la pasta lasciandola molto al dente, versatela nella padella e fatela insaporire con i funghi aggiungendo se fosse necessario un paio di cucchiai di acqua di cottura della pasta. Servire con abbondante formaggio grattugiato.


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni! 📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER