Appunti di degustazione: Ristorante Maragoncello – Montichiari

Ristorante Maragoncello - Montichiari

 

Il panorama della ristorazione bresciana offre ottimi spunti ovunque si volga lo sguardo. Oggi il nostro “cronista del gusto” Luca è andato a Montichiari a visitare il Ristorante Maragoncello .

Ecco cosa ci ha raccontato.

Questa settimana ho avuto la fortuna di cenare in questo ristorante che si trova alle porte del paese di Montichiari, più precisamente a ridosso della rotondina che separa la frazione di Vighizzolo con quella di Rò, in direzione Castenedolo, parcheggiare è facile dato che a lato troverete una piazzetta ben illuminata.

Il locale ha un nome molto particolare, “Maragoncello” in virtù del fatto che in passato, tanti anni fa, al posto del ristorante si trovava una piccola bottega artigiana dove si lavorava il legno. Per intenderci, nel nostro dialetto bresciano, chi faceva questo lavoro veniva chiamato “Maringù”, da cui deriva l’attribuzione di un nome così singolare.

Il locale è raccolto in pochi tavoli ma ben disposti, l’impronta è moderna e tendente al minimalista, ma gli accostamenti dei particolari della sala, le tinte alle pareti e l’illuminazione lo rendono caldo e accogliente.

A ricevermi ci sono Vania e Mario, una copia affiatata che, anche se anagraficamente giovane, ha alle proprie spalle già precedenti esperienze nel campo della ristorazione. Fatto, questo, che si nota dalla dialettica e dalla sicurezza con le quali mi spiegano come hanno improntato la loro attività e quelli che sono i loro obbiettivi. Una volta accomodato al mio tavolo, nell’attesa d’iniziare la mia degustazione, vengo intrattenuto da Vania che si dimostra molto competente e precisa nel espormi le peculiarità delle materie prime che vengono utilizzate e la loro provenienza.
Al Maragoncello il denominatore comune è infatti la ricerca a 360 gradi del prodotto migliore, senza dare importanza alla distanza: il fine ultimo è accontentare i veri intenditori.
Dall’altra parte Mario, è uno Chef molto preparato. Va fiero dei propri piatti, consapevole che sono creazioni originali, frutto di elaborazioni di ingredienti ricercati e di primissima qualità. Nella sua dispensa troverete tanto pesce fresco e carne di alto livello che si traformeranno in opere d’arte nei vostri piatti.

Dopo avermi versato un buon calice di Friulano, (ovvero il caro vecchio Tockay di cui la vicina Austria si è riappropriata) inizio questo percorso del gusto con un‘Entrè composta da una Mozzarellina di bufala, pomodori San Marzano, basilico, alici del Cantabrico, basilico e plancton, un vero preludio alla delizia del mio palato.

Arriva quindi un susseguirsi di assaggi che iniziano dallo Scampo con mandorle, caviale, salsa verde emulsionata e polvere di liquirizia, molto delicato.
Come secondo assaggio mi viene servito una Capasanta su una crema di cavolfiore, una spolverata di tartufo, e delle foglie di shiso tagliate alla julienne, quest’ultime molto particolari in quanto danno un tocco di freschezza e sgrassano il palato grazie al loro sapore di agrumi.

Il terzo assaggio è uno dei piatti forti: Il polpo a cottura lenta e bassa temperatura, guarnito con salsa di soia e accostato ad una fetta di culaccia cotta, accompagnato da salsa maionese e salsa ace fatta con agrumi e carote, secondo me siamo al top!

 

Ristorante Scampo con mandorle - Maragoncello - Montichiari

 

Polpo a cottura lenta e bassa temperatura - Ristorante Maragoncello - Montichiari

 

Passando poi per una Ricciola su un letto di scarola stufata, con delle olive di gaeta, sormontata da un delicato lardo di patanegra, si arriva al piatto che mi ha colpito di più: ovvero uno Spaghetto di gragnano con aglio,olio,peperoncino, crema di parmigiano e zenzero e tartare di gamberi rossi “in coppa” come dicono a Napoli, con un impiattamento magistrale e un tripudio di colori così meriterebbe un premio.

 

Ricciola - Ristorante Maragoncello - Montichiari

 

Ristorante Spaghetto di Gragnano - Maragoncello - Montichiari

 

Concludo la mia degustazione con il dolce, una Cheesecake rivisitata ai frutti di bosco nella quale il tradizionale biscotto che la compone viene sostituito da una frolla burrosa eccezionale, un vero e proprio omaggio ai golosi.

 

Cheesecake rivisitata ai frutti di bosco Ristorante Maragoncello - Montichiari

 

La mia opinione personale è che il Maragoncello sia un ristorante superiore alla media, ma con un prezzo coerente con la qualità proposta.
I titolari mi hanno trasmesso molta professionalità e le loro ambizioni mirano giustamente a riconoscimenti stellati e secondo me sono sulla buona strada!

Luca Saldi


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni! 📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER