Colori e sapori d’autunno in provincia di Brescia.

Oasi naturale protetta del Baremone - Brescia

 

L’oasi del Baremone . In ogni stagione ci sono bellezze naturali da ammirare e l’occhio attento riesce a coglierne tutto l’incanto. Con l’arrivo dell’autunno le diverse varietà di alberi si preparano al riposo invernale, ma prima ci regalano uno spettacolo unico, il meraviglioso caleidoscopio di colori del fall foliage.

I boschi si tingono di una miriade di sfumature: dal giallo, all’arancione, al bordeaux in un gioco cromatico senza uguali. Peccato duri solo un paio di settimane…

Vale la pena perciò programmare una gita per ammirare il fall foliage per godere di questa temporanea meraviglia della natura:  in provincia di Brescia noi abbiamo scelto l’oasi naturale del Baremone.

Delle sei oasi protette che si trovano in provincia di Brescia quella del Baremone, è la più ampia in termini di estensione e interessa parte dei comuni di Pertica Bassa, Collio, Anfo, Lavenone e Bagolino. In aggiunta è una delle oasi che ha mantenuto più delle altre il proprio assetto naturale e la ricchezza della popolazione animale.
È un’area dalle caratteristiche ambientali e faunistiche di rilievo, pertanto in questa zona è interdetta qualsiasi forma di caccia. Sono infatti presenti specie animali di interesse comunitario. Tra gli uccelli spiccano il Falco Pecchiaiolo, il Nibbio Bruno, l’Aquila Reale, la Pernice Bianca Alpina, il Gallo Cedrone, il Gufo Reale e la Civetta Nana. Mentre tra i mammiferi vanno segnalati il Capriolo, il Cervo, il Camoscio e il Cinghiale.

La zona di Baremone è anche conosciuta con il nome di Passo del Marè. Si tratta di una conca naturale nel gruppo del Passo di Croce Domini, incuneata tra la Val Sabbia e la Val Trompia e tra il Lago d’Idro e il Monte Maniva. Il Passo di Baremone può essere un ottimo punto di partenza o di transito per numerose escursioni seguendo i sentieri della zona.
Le principali interessano la Corna Blacca (2000 m), il forte di Cima Ora e il complesso della Rocca d’Anfo, fortificazione di epoca napoleonica di notevole interesse storico e militare.

Se poi volete assaporare i piatti di tipici delle montagne locali vi potete fermare al Rifugio Rosa di Baremone. Un rifugio a gestione familiare, nato dall’idea di Ilario Bonardelli che nel lontano 1963 apre, con Rosa, sua moglie, un locale nella Conca del Baremone tra gli splendidi colori dei pini e dei faggi.

Qui potete gustare gli intensi sapori della Val Sabbia, appartenenti alla storia gastronomica montana. Dalla celebre polenta taragna con il Bagòss (tipico formaggio della zona) ai salumi nostrani prodotti nelle malghe della valle. Una cucina che desidera riproporre i sapori e gli odori della tradizione. Semplice, ma allo stesso tempo ricca di gusto. Fermarsi qualche ora per mangiare e ristorarsi sarà un vero piacere per tutti sensi.

Ristorante Rifugio Rosa di Baremone
Telefono: 0365 80 90 24
Apertura: da aprile a ottobre


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni! 📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER