Grigliata di Ferragosto: perché non di frutta?

Frutta grigliata

 

Nel periodo di Ferragosto, come da tradizione, si pianifica la grigliata per il pranzo o la cena con gli amici. In giardino, in montagna o in spiaggia, sul terrazzo o al parco, la grigliata è un vero rito ferragostano. L’appuntamento è immancabile anche per i bresciani. E noi vorremmo provare a “stravolgere” la vostra grigliata di Ferragosto con qualche idea alternativa.

Perché non optare per una grigliata di frutta? Sì, avete letto bene: proprio di frutta.

Ananas, melone, banana, anguria, fichi, pesche e albicocche si prestano per essere grigliati e promettono di stuzzicare il vostro palato con abbinamenti inusuali e sapori delicati e freschi.

Come grigliare la frutta?

Innanzitutto, la frutta non deve essere troppo molle e matura. Una volta lavata, non va tagliata a pezzi né troppo fini né troppo piccoli. Se il frutto è molto umido e succoso va un pochino asciugato, tamponandolo con un panno o della carta assorbente.

Se siete golosi, potete provare a passare sulla griglia le fette di frutta preventivamente spennellate con un sottile velo di zucchero o del burro fuso o del latte zuccherato.

La frutta grigliata si presta per essere abbinata sia al salato, per piatti a base di formaggi, pesce, pasta o riso, insalatone, sia come dessert con creme, gelati e torte fredde.

Un carpaccio d’ananas grigliato o delle fettine di banana alla griglia sono perfetti come dolce, accompagnati con dello sciroppo d’acero, un velo di cannella e la granella di nocciole. Se non avete problemi di calorie, potete guarnire la banana grigliata con dello zucchero caramellato. Sarete d’accordo nel trovarla superlativa!

Quali frutti si possono fare alla griglia?

Oltre alla banana, anche l’ananas si presta ad abbinamenti speziati (curcuma, peperoncino, curry, cannella, noce moscata) ed è ottimo con una grigliata di pollo o tacchino, per esempio.

La pesca noce, se compatta e con una buccia spessa e resistente, può essere grigliata facilmente e gustata in pienezza, abbinata a del gelato alla vaniglia o fior di latte, con noci e miele o anche solo con una spruzzata di panna montata. In versione salata, invece, può colorare una bella insalatona.

Anche l’anguria può essere grigliata e con tanto di scorza. Oppure la si può scottare sulla piastra tagliandola a cubetti di sola polpa, per inserirla in una pietanza salata o consumarla con dell’altra frutta, tipo melone e ananas.

Le albicocche grigliate (mature, ma sode) si sposano benissimo con feta, robiola o quark, guarnite con rosmarino e timo e scaglie di mandorle, per un antipasto davvero originale. Un piatto sfiziosissimo e semplice da preparare, che può essere servito con delle bollicine di Franciacorta o del vino Lugana. Farete un figurone!

Il melone grigliato è favoloso. Provate ad accompagnarlo con salumi, tartare di pesce o di carne, torte salate, formaggi freschi o stagionati… Con il melone grigliato le spezie consigliate sono il timo e il basilico, meglio se fresco.

Il fico è un frutto molto dolce e a contatto con il calore tende a caramellizzarsi, lasciando andare un sentore leggermente amarognolo. I fichi grigliati, affiancati a salumi, formaggi e noci, e a una focaccia calda, sono una vera goduria per il palato. Altrimenti, se preferite la versione dolce più tradizionale, gustateli con una colata di yogurt e miele.

La mela non è un frutto estivo, ma ormai le mele ci sono tutto l’anno e si prestano per una saporita grigliata di frutta. Sono deliziose crude, al forno, in padella, fritte e pure alla griglia. Spennellate le fettine di mela con del burro fuso o del miele diluito o dello zucchero, poi grigliatele e assaporatele con piatti salati o dolci, a vostro gusto.

Allora, quest’anno come sarà la vostra grigliata di Ferragosto: tradizionale di carne o anche di frutta?

Francesca Gardenato


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni!
📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER