Sarde di lago in saor

 

La sarda gardesana ha carni leggermente grasse e sapide, questo la rende particolarmente adatta ad essere cucinata in svariati modi, tutti rigorosamente appartenenti alla tradizione culinaria del lago: alla griglia, fritte o “en saôr”.

Ecco qui la ricetta delle le sarde di lago in saor (o carpione)

Ingredienti

½ kg di sardine
½ kg di cipolle bianche
farina qb
3 dl d’aceto di vino bianco
olio extravergine d’oliva
sale

Preparazione

Pulite le sardine eliminando testa e viscere, lavatele delicatamente sotto acqua corrente fresca e lasciatele scolare per mezz’ora nel colapasta prima di completare l’asciugatura con carta da cucina. Passatele nella farina e tuffatele in olio bollente per 3 minuti, scolatele, posatele su carta assorbente da cucina e salatele. In un tegame mettete le cipolle mondate, lavate e tagliate a rondelle sottili, aggiungete mezzo bicchiere d’acqua e cuocete lentamente a fiamma bassa in modo che le cipolle si sfaldino dolcemente senza dorarsi. Quando le cipolle sono trasparenti, prima di toglierle dal fuoco, salatele e versate l’aceto. Disponete quindi le sarde in una terrina e ricopritele con la composta di cipolle, procedendo a strati sino a esaurire gli ingredienti. Lasciatele riposare qualche giorno in un luogo fresco e asciutto prima di assaporarle con la compagnia del pane.


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni! 📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER