Il cibo “giusto” per combattere ansia, stress e depressione

Cibo ricco di vitamina B12

 

La situazione che stiamo vivendo provoca non poco stress. A meno di non avere un sistema nervoso molto solido e allenato ad affrontare periodi di criticità prolungata, ognuno di noi può trovarsi a dover affrontare momenti di ansia, insonnia e sintomi che preludono ad uno stato di depressione.
Circostanze, queste, che hanno portato negli ultimi mesi la maggior parte degli italiani (circa il 55%), in particolare le esponenti del sesso femminile, ha trovare conforto nel cibo. Quindi non solo la sedentarietà imposta dal divieto di muoversi da casa, ma anche la consolazione di mangiare qualcosa di gradito, il cosiddetto comfort-food, sono i responsabili degli effetti negativi sul peso registrati dopo il lockdown.

Il realtà, utilizzare quello che mangiamo per trarne un beneficio dal punto di vista dell’umore o per combattere stress e ansia non è comportamento sbagliato in sé. Si può infatti approfittare del ruolo consolatorio del cibo, a patto di scegliere alimenti che aiutino a controllare il peso e si tengano sotto controllo le quantità.

Riprendendo un’indagine condotta dalla Società Italiana di Nutrizione Umana, riguardo al comfort-food durante il lockdown, Assolatte (Associazione Italiana Lattiero-Casearia), mette il rilievo come i prodotti lattiero-caseari, oltre a dare piacere, contengano sostanze ‘alleate’ della linea (calcio, fermenti e sieroproteine) e abbiamo effetti positivi sul metabolismo dei grassi e sul microbiota. Numerose ricerche hanno infatti evidenziato come le persone, donne in particolare, che consumano maggiori quantità di latte, yogurt e formaggi ingrassano di meno, mostrano un indice di massa corporea più basso e hanno anche minor probabilità di obesità e di accumulo di grasso addominale.

Per cercare di contrastare i momenti di calo emotivo sono indicati anche gli alimenti che apportano le vitamine del gruppo B. Queste ultime partecipano al funzionamento nei neuroni ed alla produzione dei neurotrasmettitori, contrastando gli stati d’animo negativi e calmando il sistema nervoso. Nello specifico è decisiva la vitamina B12, presente nei formaggi stagionati, nello yogurt, nel latte, nella mozzarella, nel pesce, nei frutti di mare, nei cereali fortificati con vitamina B12, nelle uova, nei prodotti a base di soia e nell’alga spirulina. Un livello ottimale di vitamina B12 infatti impedisce il surplus di omocisteina, che è collegata alla depressione.

Inserire nella propria dieta 3 porzioni giornaliere di latte e yogurt e settimanalmente gli altri cibi ricchi di vitamina b12, seguendo le Linee Guida per una Sana Alimentazione, è il modo più semplice per favorire una maggiore serenità, un migliore riposo notturno e aumentare il tono dell’umore, senza avere delle ricadute negative sul peso.

Ancora una volta è evidente l’importanza dell’alimentazione per mantenere una buona salute sia fisica sia mentale.


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni! 📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER