Il Luccio, lo “squalo di lago”: curiosità e ricette

 

Luccio con polenta
Immagine by Olindo Rossi

 

Chi non conosce il luccio, diffuso in tutto l’emisfero settentrionale del globo, dall’Italia alla Siberia, dal Canada alla Francia?

Questo pesce incredibilmente vorace è un vero predatore, tanto che si è guadagnato il soprannome di “squalo di lago”. La sua azione è in realtà estremamente preziosa per l’ecosistema, perché solitamente preferisce prede morte o malate, riequilibrando la fauna ittica e inibendo l’eccessiva proliferazione di specie infestanti.

Particolarmente difficile da pescare, si nasconde in canneti, erbai, tappeti di ninfee, aspettando quietamente di avvistare una preda. I pescatori esperti adottano la tecnica dello spinning, simulando cioè con l’esca i movimenti di una preda giovane o malata.

Molto apprezzato in cucina per il suo gusto deciso, il luccio è molto presente nella tradizione gastronomica del Po lombardo, nel triangolo fra Milano, Mantova e Brescia. Preparato in salsa, in umido, spesso con polenta costituisce ancora oggi un’ambita prelibatezza.

Qui di seguito alcuni ristoranti ove è possibile gustare ricette a base di luccio.

Hostaria Uva Rara, Monticelli Brusati
Luccio sfogliato, con olio al prezzemolo, capperi e polenta Belgrano


Antica Trattoria del Gallo, Clusane d’Iseo
Antipasto misto di lago composto da: sardine con polenta, pesciolino fritto, pesciolino carpionato, trota affumicata e lumache al bacon con aggiunta di insalata di Luccio

Trattoria Glisenti, Marone
Luccio agli Agrumi
Luccio al Vapore con Salsa Agli agrumi


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni! 📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER