L’olio Extra Vergine di Oliva Garda DOP: l’Oro verde del Garda

Olio extravergine di oliva Garda Dop

Tra i prodotti conosciuti ed apprezzati del lago di Garda si inserisce a pieno titolo l’olio Extra Vergine di Oliva Garda DOP, non a caso definito: “l’Oro verde del Garda”.

Si tratta di una produzione d’eccellenza ottenuta grazie al clima mite e alle temperature mai troppo rigide delle campagne a ridosso delle colline moreniche. Qui crescono gli ulivi delle varietà Casaliva, Frantoio e Leccino.

Il microclima lacustre dona a questo prezioso “nettare di olive”, una grande versatilità nell’uso in cucina. Leggero e digeribile, dal sapore fruttato e gradevolmente piccante, per le sue caratteristiche qualitative ha conquistato, nel 1997, la Denominazione di origine protetta.

All’assaggio si riconosce per l’armonia delle sue note organolettiche e per gli aromi leggeri ed equilibrati: i profumi di erba fresca, erbe aromatiche, fieno e carciofo, uniti al tipico retrogusto di mandorla, lo rendono unico.

È buono sia utilizzato crudo o per la cottura e in cucina si presta a diversi utilizzi. Si abbina infatti a numerosi piatti, dalla carne al pesce fino ai molluschi, dalle verdure cotte e crude ai formaggi freschi e di media stagionatura fino alle preparazioni dolci e salate come torte o bruschette. Con il suo gusto persistente, mai prepotente, è delizioso anche abbinato al cioccolato o ai gelati.

Per tutelare il prodotto di qualità del Garda è nato un consorzio di tutela che raccoglie i produttori e gli operatori della filiera di tre regioni: Lombardia, Trentino Alto Adige e Veneto e le province di Brescia, Mantova, Trento e Verona. Un rigido disciplinare di produzione definisce i requisiti del prodotto Dop e stabilisce anche la possibilità di indicare l’origine geografica dell’olio con: “Bresciano”, “Orientale” e “Trentino”.

Tra fine ottobre e inizio novembre, quando il colore delle olive diventa più scuro, è tempo di raccolta e sulla sponda veronese per il giorno di Santa Caterina si festeggia il raccolto. A Brenzone, ai piedi del Monte Baldo, l’antica fiera di fine novembre è diventata con gli anni l’occasione per incontri a tema, menù e degustazioni per assaggiare il prodotto tipico.

Se volete fare un giro oltre i confini della nostra provincia vi segnaliamo che, a Bardolino, al prezioso “Oro verde del Garda” è dedicato anche un museo, un’occasione per approfondire la storia di questo prodotto d’eccellenza seguendo un percorso con 10 sale tematizzate. Annesso al museo lo shop con degustazione oli e specialità in olio di oliva.